archivio

Archivi tag: Supernova gallery

cs-dittler-1IRIS DITTLER

Supernova Gallery | Palazzo Bottigella Gandini | Corso Mazzini 15 Pavia |

Dal 2014, la Civica Scuola d’Arte di Pavia ha introdotto un’attività sperimentale, in aggiunta agli insegnamenti canonici che ne costituiscono la tradizione: la Residenza d’Artista, una sorta di borsa di studio assegnata a un artista candidatosi e scelto da una commissione, chiamato a lavorare per tre settimane negli spazi dell’ Ar.Vi.Ma., ospite del Collegio Cairoli. L’artista che ha inaugurato i lavori è stata l’austriaca Iris Dittler, trentenne di forte tempra concettuale già attiva sulla scena europea. L’installazione risultata dal periodo di ricerca è stata pensata per Santa Maria Gualtieri e lì collocata brevemente lo scorso 20 giugno. Palazzo Bottigella Gandini consente ora di riconsiderarla, verificandone la capacità di dialogo con uno spazio ulteriore, in attesa della collocazione definitiva. In questa occasione saranno presentati i due cortometraggi realizzati da Silvia Migliorati sul lavoro dell’artista a Pavia e sulle atmosfere che quel lavoro ha temporaneamente sfiorato e, a sua volta, suscitato.

 

L’occasione permetterà al pubblico di visitare le due mostre tuttora in corso presso Palazzo Bottigella Gandini. Con Opere di Elisabetta Casella e Ilmondodivelia di Velia Gelli – prorogata fino al 29/11 – Supernova Gallery ha inaugurato un ciclo di personali che proseguirà con cadenza periodica. Un modo nuovo quello del “temporary” di proporre una presenza artistica di segno fortemente contemporaneo a Pavia. Durante i periodi di chiusura delle mostre temporanee, l’esposizione permanente della Galleria sarà comunque visitabile su appuntamento.

 

 

Invito CasellaApre il 25 ottobre, alle ore 18, la mostra di Elisabetta Casella alla Supernova Gallary in Palazzo Bottigella Gandini (Corso Mazzini 15, Pavia), curata da Mariangela Calisti.

Il testo in catalogo é di Silvia Ferrari Lilienau.

I Maestri non si dimenticano, per chi li abbia amati. Lasciano una traccia che esula dalla mera citazione, ed è piuttosto conferma di aver condotto i propri passi entro margini forti. Così per Elisabetta Casella, che ha prelevato la pelle di exempla dell’Informel adattandola a un suo proprio fare. Negli Otages di Fautrier, nelle Nature di Fontana e nei Sacchi di Burri si è quasi avvolta come in uno scialle protettivo, ma dentro c’è lei, con un dire totalmente suo. Gli ovali materici sono dunque un pretesto formale per riflettere sul senso della fine: perché è vero che, nell’occhio di chi guarda, la linea richiusa su di sé secondo una circolarità più o meno regolare rimanda all’idea di un continuum, ma la mano che tende il bordo – l’equivalente di un segno – sa quando incomincia e dove interrompe. Le cose finiscono. La sfera stessa, quando intera e avvolta in bendaggi consolidati da colate di gesso, è ormai lontana da ogni concetto spaziale, e si fa invece grembo da sanare, potenzialmente greve di un contenuto sofferto. Un passaggio alchemico recente fa schiudere però le sfere e, estroflettendone il celato, converte l’involucro in bocche di apertura floreale – quasi rose –, che prendono a reiterarsi.
Capita allora che vengano a comporsi in installazione, offrendosi piene di cenere su gambi alti di ferro. Là dove la cenere è quel che resta di un fuoco, per lo più domestico, ma anche fertilizzante per ulteriori raccolti. Facendo il verso alla pittura, le rose prendono infatti a proliferare in orizzontale o su una scacchiera a parete, che si costituisce confine geo metrico a una fioritura altrimenti ininterrotta. Allo stesso modo, piccole sfere di plastica si accalcano in giardino dentro la cornice ovale di un’aiuola. A tratti le rose recuperano il colore rosso con cui dominano l’immaginario collettivo, nella duplice valenza simbolica legata alla carne: da un lato la ferita aperta, dall’altro il coefficiente erotico di cavità irrorate di sangue, o percorse da papille gustative che lo spessore di materia e pigmento viene a sollecitare. Oppure diventano spina dorsale di composizioni ovoidali non più testimoni della chiusura di un ciclo, ma utili a circoscrivere una crescita verticale simile alla sequenza di vertebre nel corpo umano, ai cui nomi alludono i titoli scelti. Non a caso, in mostra, ai piedi dei pannelli che dilatano nello spazio la puntinatura concava c’è un guscio irregolare con ampia fenditura al centro. L’artista cessa di legare e bendare la rotondità, sospende l’arrotondare come presa di coscienza di limiti che sono anche esistenziali. Lascia che dalla spaccatura si propaghi un’ipotesi d’altro, che perde in rugosità tattile e carezza la moltiplicazione, sfiorando il concetto di multiplo. È tuttavia evitato il raffreddamento minimalista della serialità, per l’intervento che varia ogni volta la forma, e diversifica con il gesto pittorico l’immagine della rosa offerta da tovaglioli di carta, reimpiegati come objets trouvés. Il racconto è in accezione femminile, non stupisce che abbia accenti intimistici, perché a questo le donne sono chiamate da sempre: procreare, e conservare la vita prendendosene cura. Qui il linguaggio artistico ha però invertito i passaggi, consentendo di costruire un binario parallelo su cui scivolare con volontà indipendente anche dal genere: la germinazione arriva come atto liberatorio dopo aver molto trattenuto, sciogliendo l’intreccio precedente di riferimenti colti e memorie personali.

Silvia Ferrari Lilienau

 

OPERE. ELISABETTA CASELLA. 25 ottobre-22 novembre 2014 | Palazzo Bottigella Gandini | Corso Mazzini 15 | Pavia | Orari martedì-venerdì: 15.30-19 | sabato: 10- 12.30 | 15.30-19. In orari diversi da quelli di apertura si riceve su appuntamento.

Elisabetta Casella nasce a Piacenza, Italia, nel 1973.
La formazione si compie all’Accademia Galli di Como.
Vive e lavora con Ello, Valentino e un numero imprecisato di gatti nella campagna piacentina.
Consapevole è la scelta dell’informale come possibilità pittorica a sottolineare la necessità di abbandonare le forme degli oggetti per ritrovarne l’essenza nella materia. Una ricerca volta spesso alle monocromie. Monocromie che si risolvono in campiture di colore delicato ma incisivo, tormentato da un lavorio sommesso di segni e punti di luce che indicano un percorso immaginativo circolare. Sferica, la sua ultima ricerca scultorea. Vissuti emotivi intensi, tradotti in circonferenze inabbracciabili, fatte di gesso e materiali ritrovati, stoffe, garze, chiodi, scampoli di merletto.

 

La prestigiosa sede di Palazzo Bottigella Gandini apre le porte nel 2012 con un’iniziativa intenta a promuovere il lavoro di giovani artisti. Dopo una serie di mostre collettive, realizzate con il Settore Cultura della città di Pavia, che hanno suscitato l’interesse del pubblico dei collezionisti, nasce l’Associazione Culturale “SUPERNOVA GALLERY”, un incubatore di idee ed iniziative avente lo scopo di mettere in evidenza il giovane mondo dell’arte contemporanea nella certezza che possano emergere nuovi talenti nel complicato sistema dell’arte. SUPERNOVA sarà aperta a collaborazioni pubbliche e private diventando un contenitore parallelo e stimolante per collezionisti, critici e quanti vogliano affacciarsi con il loro contributo all’arte contemporanea fuori dagli schemi convenzionali. Il tutto per mettere in atto, così, uno slancio propulsivo a nuove idee e movimenti. Il 25 ottobre con le opere di ELISABETTA CASELLA si inaugurerà la prima di una serie di personali. La mostra, improntata su diversi nuovi lavori, alcuni dei quali site specific, vedrà esposte anche alcune opere meno recenti: questo per meglio comprendere l’interessante evoluzione della giovane artista nel corso del tempo.

Palazzo Bottigella Gandini | Corso Mazzini, 15 Pavia | email: artlab.bottigellagandini@gmail.com | contatti: +39 335 6892646 | +39 333 4906874

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: